CENOBIO DEI DOGI – SALA MARE

Venerdi 4 agosto

 

MARCELLO ABBADO

pianoforte

 

ALESSANDRA FARRO

violino

 

Antiche sonate italiane per violino e basso secondo i testi originali

Realizzazione del basso continuo e revisione di

MICHELANGELO ABBADO

 

Programma

 

F. A. Bonporti                                 Invenzione in Sol min. op. X n. 4

(1672-1749)                                     secondo l’edizione del 1712

                                                                     Largo

                                                                     Balletto

                                                                     Aria

                                                                     Corrente

 

A. Corelli                                         Follia in Re min. op. V n. 12

(1653-1713)                                     secondo la prima edizione del 1700      

 

F. M. Veracini                                 Sonata in Mi min. op. II n. 8

(1690-1768)                                     secondo l’edizione del 1744      

                                                                     Allegro

                                                                     Largo e staccato-Ritornello-Cantabile-Ritornello

                                                                                                Cantabile-Ritornello

                                                         Giga

 

A. Vivaldi                                        Sonata in La magg. op. II n. 2

(1678-1741)                                     secondo la prima edizione del 1709

                                                                      Preludio a Capriccio

                                                                      Corrente

                                                                      Adagio

                                                                      Giga

 

T. Vitali                                           Solo (Ciaccona) in Sol min. secondo il manoscritto custodito

(1663-1745)                                     nella Siichsische Landesbibliothek di Dresden

 

 

Marcello Abbado è ugualmente noto come pianista e compositore. Come pianista ha tenuto centinaia di recitals e di concerti con orchestre sinfoniche in quasi tutte le nazioni d’Europa, America, Africa e Asia. Ha suonato al Teatro alla Scala di Milano, nella Sala Gaveau di Parigi, al Musikverein di Vienna, all’Accademia Liszt di Budapest, nella sala grande del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, al Teatro Coliseo di Buenos Aires e nelle principali sale di Londra, Montreal, New York, Pechino, Rio de Janeiro e Tokyo. In Sud America ha compiuto nove tournées di concerti. Ha suonato come solista con molti grandi direttori d’orchestra, fra cui Guido Cantelli, e con il compositore Paul Hindemith, che lo ha invitato a suonare più volte come solista.

Ha avuto un particolare incontro con Wolfgang Sawallisch e la Filarmonica di Vienna, con cui ha suonato Mozart in molte serate. Ha realizzato numerose volte l’esecuzione dei ventisette Concerti per pianoforte e orchestra di Mozart come direttore e solista. Ha commemorato Bach e Scarlatti eseguendo programmi monografici, Tchaikovsky e Prokofiev suonando alcuni Concerti per pianoforte e orchestra, incluso il concerto per la mano sinistra. Ha eseguito l’intera opera pianistica di Debussy. Ha tenuto masterclass in Europa, Asia centrale, Cina e Giappone.

Le sue composizioni sono pubblicate da Carisch, Curci, Ricordi e Suvini Zerboni di Milano. Ha scritto i balletti “Scena senza storia”, e “Hawaii 2000”; musica di scena per “La voix humaine” di Jean Cocteau (2003); “lI buio negli occhi” (2003). Per orchestra: la Cantata “La strage degli innocenti” per voci soliste, coro di voci bianche, coro misto e orchestra; “Concerto”, “Variazioni sopra un tema di Mozart”; “Hommage à Debussy”; “Costruzioni” per cinque piccole orchestre; “Doppio concerto” per vl, pf e doppia orchestra da camera; “Quadruplo concerto” per pf, vl, vla, vcl e orchestra; “Ostinato sopra un ritmo dalla Sinfonia del Signor Bruschino di Rossini” per pf, archi e percussioni; “Variazioni armoniche su “Marche funèbre per il Signor Maestro Contrapunto” di Mozart” (2001); “Nuova costruzione” per otto fiati (2002); “Concerto” per fl e orchestra (2002); “Asif Saleem Nasreen” per vl, vla, vlc e orchestra d’archi (2002); “Risonanza Magnetica” per pf e orchestra di percussioni (2003); “Concerto” per arpa e orchestra d’archi (2003). Per vl e orchestra: “Sette Ricercari e sei lntermezzi”; “Ottavo ricercare”; “Musica celeste”; “Dieci canti popolari siciliani” per vl, voce e orchestra; “L’idea fissa” per vl e orchestra di percussioni; “Le campane di Mosca” per vl e strumenti a percussione; “Velicianie Aleksandr Nevskij” per vl e coro a tredici voci. “Australia” per vl, didgeridoo, pf e strumenti a percussione (2002). Di recente a Mosca e in U.S.A. sono stati eseguiti programmi interamente dedicati alla sua musica.

E’ stato presidente e membro di giurie di concorsi internazionali di canto, composizione, direzione d’orchestra, musica da camera, violino, pianoforte: “Beethoven” a Vienna, “Bösendorfer” a Bruxelles, “Busoni”, “Canals” a Barcellona, “Chopin junior”, “Tchaikovsky” a Mosca, “Ciani” al Teatro alla Scala, Dublino, Leeds, Londra, Monaco di Baviera, Pechino, “Prokofiev” a San Pietroburgo, Pretoria, “Rubinstein” a Tel Aviv, “Schubert” a Dortmund, Sydney, Tokyo, “Van Cliburn” in U.S.A.

E’ stato per otto anni direttore del Conservatorio di Piacenza, per sei anni direttore del Conservatorio “Rossini” di Pesaro, per ventiquattro anni direttore del Conservatorio “Verdi” di Milano dal 1973 al 1996. Per ventiquattro anni è stato consigliere d’amministrazione del Teatro alla Scala di Milano, dal 1973 al 1996. Nel 1993 ha formato insieme con Viadimir Delman l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, di cui è stato direttore artistico dal 1993 al 1996.

 

Alessandra Farro appartiene alla giovane generazione di violinisti italiani che si stanno affermando nel mondo. Dopo essersi brillantemente diplomata nel Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, si è perfezionata con Marco Fornaciari.

Ha suonato al Teatro alla Scala di Milano, come solista con l’Orchestra di percussioni, con l’Orchestra filarmonica del Baltico e in Turchia con l’Orchestra presidenziale di Ankara. E’ stata solista con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, al Conservatorio di Milano e ancora al Festival Internazionale di Ankara, a lnstanbul e a lzmir. Ha tenuto recitals nella Sala Rachmaninov di Mosca, in Cina, Francia, Giappone, Italia, Lituania, Olanda, Polonia, Turchia e USA, inaugurando stagioni di concerti ad Amsterdam, Strasburgo, Hong Kong e Pechino, con programmi per violino solo e duo.

Ha realizzato programmi come solista nell’ambito della Expo 2000 di Hannover, al Festival di Braunschweig in Germania.

Si è esibita come direttore-violinista in Texas e a Mosca nella sala grande del Conservatorio Tchaikovsky, dove ha avuto il privilegio di dirigere l’Orchestra Federale Russa. Ha tenuto masterclass di violino in Cina, Germania, Giappone e in Italia.

E’ membro di giuria di diversi concorsi internazionali di violino, tra i quali “Stresa”, “Michelangelo Abbado” e “Shabyt Inspiration” in Kazakhistan.