Chi siamo-GPM - Gruppo Promozione Musicale Golfo Paradiso

Chi siamo

Il Gruppo Promozione Musicale Golfo Paradiso, Associazione di Promozione Sociale, ha raggiunto nel 2020 i 38 anni di attività nel settore della musica classica promuovendone la diffusione, in particolar modo nel comprensorio del Golfo Paradiso: dalla sua fondazione ha organizzato oltre 1000 manifestazioni, tra concerti, conferenze, lezioni concerto per le scuole, saggi, per un totale di oltre 5.500 artisti impegnati (fra i quali nomi di grande importanza, come Marcello Abbado, Salvatore Accardo, Mario Ancillotti, Giovanni Angeleri, Giuseppe Andaloro, Andrea Bacchetti, Letizia Belmondo, Maurizio Ben Omar, Paolo Bordoni, Cristiano Burato, Michele Campanella. Bruno Canino, Gabriele Cassone, Riccardo Crocilla, Marcella Crudeli, Massimiliano Damerini, Pietro De Maria, Jorg Demus, Alirio Diaz, Anton Dressler, Ingrid Fliter, Marco Fornaciari, Ilya Grubert, Klezmerata Fiorentina, Gianluca Littera, Nathalia Lomeiko, Andrea Lucchesini, Leonel Morales, Domenico Nordio, Alberto Nosè, Giancarlo Parodi, Marius Patira, Mihail Petukov, Igor Polesitsky, Massimo Quarta, il Quartetto d’archi della Scala, il Quartetto Rachmaninoff, Quartetto di Cremona, Corrado Rollero, Alexander Romanovski, Cristiano Rossi, Danilo Rossi, Emanuele Segre, Luciana Serra, Mariana Sirbu, Naum Starkmann, Paolo Tomelleri, Maurizio Zanini;  inoltre si è sempre avuta una attenzione particolare per i giovani interpreti di talento di cui incoraggiare la carriera. 

Solo negli ultimi quattro anni sono stati organizzati 173 eventi, con 1013 artisti.

L’attività dell’Associazione, inizialmente limitata a Camogli e Recco per circoscritti periodi dell’anno, negli ultimi tempi si è molto ampliata, estendendosi a tutto l’arco dell’anno con appuntamenti sempre più numerosi e con un raggio d’azione che copre tutto il Golfo Paradiso: al Festival di Camogli e di Recco ormai consolidati nel tempo, si è affiancato, dal 2008, il Festival Classica in Paradiso, che coinvolge vari Comuni del territorio, dal 2009 anche la rassegna Pieve Classica e dal 2011 si organizzano eventi musicali anche a Santa Margherita Ligure. A tutto ciò va aggiunta l’organizzazione del Concorso Chitarristico Internazionale Ruggero Chiesa – Città di Camogli, a cadenza biennale, che ha avuto lo scorso anno la sua VI edizione. E’ una manifestazione di grande successo, richiamando chitarristi da tutto il mondo e coinvolgendo in modo significativo la città che partecipa con grande interesse alle varie fasi del concorso. 

Una particolare attenzione è sempre stata data al mondo della scuola, con incontri, lezioni-concerto, corsi, per gli alunni della scuola primaria e secondaria, a Camogli, Recco, Pieve Ligure, Sori e Bogliasco. Inoltre, dal 2004, si è instaurata una collaborazione importante con il Conservatorio Paganini: si offre costantemente agli alunni diplomandi del Conservatorio di “provare” in concerto pubblico il loro esame di diploma, con lo scopo utilissimo di verificare la loro preparazione, ma anche di far conoscere meglio alla gente il mondo dei giovani che studiano musica.
Dal 2015 si è iniziata una vera attività di formazione musicale, aprendo i Corsi Annuali di Musica a Camogli, orientati in due direzioni, quella propedeutica ad una attività professionale per i diversi strumenti e quella rivolta a chi vuole accostarsi alla musica in modo amatoriale. I Docenti sono tutti professionisti di alto profilo artistico, che svolgono da tempo attività concertistica e didattica, in Italia e all’estero. Sede provvisoria, per i primi mesi, sono stati i locali del Santuario “Nostra Signora del Boschetto” a Camogli, per avere poi come sede definitiva il Teatro Sociale di Camogli. Sono stati attivati i seguenti
Corsi: Pianoforte, Violino, Arpa, Chitarra, Fisarmonica, Canto, Impostazione vocale, Teoria e Solfeggio, Composizione, Scrittura Musicale Braille e i Corsi serali per Amatori (Alfabetizzazione musicale, Guida all’ascolto e Storia della Musica.

Altri importanti progetti: 
Progetto Beethoven (iniziato nel 2004 e tuttora in corso) per presentare anno dopo anno l’integrale dell’opera del grande compositore:
il 2004 è stato dedicato alle Sonate per violoncello e pianoforte, il 2005 alle Sonate per violino e pianoforte, il 2006 e il 2007 alle Sonate per pianofoprte, il 2008 e il 2009 ai Quartetti, il 2010, il 2011 e il 2012 ai Lieder;
Raccolta fondi per associazioni benefiche o particolari necessità
(come per l’Ospedale Gaslini, o i terremotati dell’Emilia o per la Comunità di S. Egidio, o ancora per restauri di antichi oratori);

Si è consolidato un pubblico sempre più largo e competente per la musica classica: un Festival che si protrae per un lungo periodo con molti appuntamenti crea una educazione musicale e l’abitudine ad andare ai concerti, molto più che qualche singolo appuntamento, anche importante; e sono proprio questa educazione e questa abitudine che sostengono il settore della cultura, soprattutto in provincia
Si è valorizzato, nella scelta delle sedi per i concerti il patrimonio paesaggistico e storico del territorio, contribuendo così, in modo indiretto ma significativo, ad una promozione sia nel settore del turismo che in quello dei beni culturali.
Si è fornito un servizio alle persone più disagiate (anziani, portatori di handicap) dando loro la possibilità, grazie all’appoggio dei propri volontari, di partecipare a manifestazioni che contribuiscono al loro inserimento sociale e alla loro vitalità intellettuale.
Si è cercato di far sì che gli appuntamenti organizzati non fossero solo momenti di arricchimento culturale e di svago, ma anche di incontro sociale ed umano: a questo scopo si è continuata l’abitudine, ormai consolidata con successo, di dare al pubblico la possibilità, al termine di ogni concerto, di cenare insieme ai musicisti e agli organizzatori, in uno dei ristoranti che aderiscono all’iniziativa con prezzi promozionali, creando in tal modo anche un coinvolgimento e una collaborazione dei ristoratori e delle strutture alberghiere della zona (anche per l’ospitalità agli artisti).